L’allarme per il coronavirus è arrivato anche alle isole Eolie, ma la buona notizia è che all’ospedale di Lipari è disponibile un posto letto in terapia intensiva.

A renderlo noto è il direttore generale dell’Asp 5 e direttore sanitario Enzo Compagno, che ha comunicato di essere riuscito a ottenere la terapia intensiva grazie alla sinergia con la direzione generale dell’Asp di Messina e l’arrivo di due nuovi medici. In questo momento di emergenza, la sala di endoscopia è stata trasformata in un posto letto di terapia sub intensiva: qui un paziente potrà essere intubato per un breve periodo di tempo, in attesa di un suo trasferimento in un centro di rianimazione.

Come è cambiato l’ospedale di Lipari

Grazie a questa novità, si è attrezzato l’ospedale di Lipari per consentire di fronteggiare potenziali casi di positività al virus. Per il momento l’infezione non è ancora sbarcata alle Eolie, ma vista la diffusione a macchia d’olio nel resto d’Italia non si può escludere al 100% che l’arcipelago non debba fare i conti prima o poi con l’emergenza.

La speranza è di non dover mai utilizzare il nuovo allestimento: vorrebbe dire che le azioni di contenimento che il governo ha messo in campo sono state sufficienti per impedire l’approdo delle infezioni di Covid 19 presso la popolazione eoliana.

Le parole del direttore sanitario

Come ha messo in evidenza il dottor Compagno, in un momento così grave come quello che tutto il Paese sta vivendo è indispensabile che ognuno di noi faccia la propria parte: si tratta di un piccolo sacrificio a fronte di quello molto più grande che stanno vivendo tutti gli operatori sanitari.

Per questo motivo anche alle Eolie, da Lipari al resto delle isole, è fondamentale attenersi alle indicazioni che sono state fornite dal governo:

“restare in casa per tre settimane può essere complicato ma è indispensabile per agire a favore del bene di tutta la collettività. Questa è la sola strada che si può percorrere per provare a uscire dal tunnel buio in cui si trova l’Italia attualmente”.

I controlli

Nei giorni scorsi le Eolie erano state al centro delle polemiche a causa della mancanza di controlli effettuati ai porti per i passeggeri delle navi in partenza verso l’arcipelago. Nei prossimi giorni sapremo se tale mancanza si dimostrerà un grave errore o una leggerezza che non avrà conseguenze pesanti.

Facebook Comments
Spread the love

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi